La Madonina

Che dolcezza nella voze de me mama
quando 'nsieme s'arivava al capitel
la polsava 'n momentin,
la pregava pian pianin.
E alla fin la me diseva: vei che nem.
Ve saludo Madonina, steme ben.

Do violete profumade 'n primavera
qualche volta 'n goz de oio nel lumin.
Tanti ani Ŕ za passÓ
quasi gnente gh'Ŕ restÓ.
Ma mi sento ancor la voze... " vei che nem
ve saludo Madonina, steme ben".

╚ restÓ en tochetin de Madonina
ma che ride quando lý che cioca 'l sol
el fis-cieta n'oselet
propri 'n zima, sul muret.
Quella voze benedeta ancor la vegn:
"ve saludo Madonina, steme ben".

ASCOLTA IL BRANO
Elemento multimediale non supportato!